Anteprima 16 giugno Rapallo

Come un gatto in tangenziale

di Riccardo Milani

Riccardo-Milani

Regia Riccardo Milani

Con Paola Cortellesi, Antonio Albanese, Sonia Bergamasco, Luca Angeletti, Claudio Amendola

Sceneggiatura Furio Andreotti Giulia Calenda Paola Cortellesi Riccardo Milani

Fotografia Saverio Guarna

Montaggio Patrizia Ceresani Francesco Renda

Musiche Originali Andrea Guerra

Produttore Esecutivo Gianluca Leurini e Olivia Sleiter

Prodotto da Mario Gianani e Lorenzo Mieli con Lorenzo Gangarossa

Produzione Wildside con Vision Distribution

in collaborazione con Sky Cinema

realizzata da Wildside

distribuzione Vision Distribution

Giovanni (Antonio Albanese), intellettuale, borghese, politicamente impegnato, attento agli altri e fautore dell’integrazione, vive nel centro storico di Roma. Monica (Paola Cortellesi) è una ex cassiera del supermercato, che vive nell’estrema periferia della Capitale.

Due esistenze che non si incrocerebbero mai se i loro figli adolescenti non si fidanzassero. Monica e Giovanni, sono vittime dei pregiudizi, appartengono a classi sociali diverse ma hanno in comune il desiderio che la storia tra i loro figli finisca.

E per questo iniziano a frequentarsi, e a partecipare in qualche modo al mondo dell’altro, tra cinema d’essai e spiagge popolari iper affollate. Finchè, improvvisamente, qualcosa cambia, anche se forse la loro storia durerà quanto dura “un gatto in tangenziale”.

Riccardo Milani mette in scena il ritratto di una realtà italiana fatta di differenze e di incomunicabilità. Il conflitto tra centro e periferie, tra comunità che solo in apparenza non sono in grado di dialogare tra di loro, ma che in realtà hanno in comune molto più di quello che a prima vista appare.

Da padre di tre figlie femmine, l’avventura umana che vivono i nostri protagonisti, Giovanni e Monica, è qualcosa che conosco abbastanza bene. In fondo ogni genitore, anche senza volerlo, si costruisce, giorno dopo giorno, un’idea dei propri figli per poi accorgersi ad un tratto che loro, in realtà, sono altro da noi. E che magari anche il mondo che ci propongono è altro da noi. Le loro passioni, i loro amici e spesso anche i loro amori”. [Riccardo Milani]

“”L’idea iniziale si deve a Riccardo Milani e a una sua esperienza personale simile a quella che raccontiamo: una delle sue figlie, qualche tempo fa, era fidanzata con un coetaneo che vive nell’estrema periferia romana. Abbiamo trovato, così, il pretesto per affrontare un argomento difficile di cui si parla sempre in termini negativi: le periferie. L’obiettivo, però, era farlo con il tono della commedia. L’idea era raccontare il conflitto sociale tra Giovanni, progressista e studioso delle periferie e dei modelli di integrazione e Monica, che in periferia ci vive e che esattamente come lui è contraria al legame tra i loro ragazzi perché intuisce le differenze incolmabili che ci sono tra questi due ambienti così distanti. Monica all’integrazione non ci crede: non immagina punti di contatto tra il suo mondo e quello di Giovanni. Sono troppo distanti, così ritiene inconciliabile la sua vita con quella delle tante etnie che popolano il suo quartiere”. [Paola Cortellesi]

 

Riccardo Milani, nato a Roma nel 1958 ha esordito nel mondo del cinema lavorando come aiuto regista per Nanni Moretti, Mario Monicelli e Daniele Luchetti. Il suo debutti alla regia è del 1997 con Auguri professore, interpretata da Silvio Orlandi e Claudia Pandolfi.

 

Filmografia

 

1997 Auguri Professore

1999 La Guerra degli Anto’

2001 Il sequestro Soffiantini (tv)

2003 Il posto dell’anima

2004 La omicidi (serie tv)

2005 Cefalonia (tv)

2006 Assunta Spina (tv)

2007 Piano Solo

2008 Rebecca la prima moglie (tv)

2008-2010 Tuttipazziperamore (serie tv)

2011 Atelier Fontana (tv)

2012 Una grande famiglia (serie tv)

2013 Benvenuto Presidente!

2013 Volare (tv)

2014 Scusate se esisto!

2015 È arrivata la felicità (serie tv)

2017 Di padre in figlia (serie tv)

2017 Mamma o Papà?